Archivi categoria: Glass Onion

Felicità

A quanto pare, Romina Power si faceva le canne, e se ne faceva pure parecchie. Ora si spiega l’espressione perennemente assente in video e foto della “cantante”, nonché la disperata richiesta di Albano espressa in alcune canzoni.

Lascia un commento

Archiviato in Baby You're a Rich Man, Glass Onion, I Am The Walrus

Anniversari

Lascia un commento

Archiviato in Eight Days A Week, Glass Onion, I Am The Walrus

Dilbert ci azzecca sempre

Ahinoi.

Lascia un commento

Archiviato in Glass Onion, I Am The Walrus

La prova che esiste l’orgasmo “contro natura”

Uno spot di una banca ceca il cui slogan recita qualcosa come “Goditi la prima transazione”. Dimmi te se mi tocca fare il moralista.

Lascia un commento

Archiviato in Glass Onion

Commercial(s)

Lo so che non ha senso fare paragoni, ma dopo avere visto quello che ha fatto Tornatore per Esselunga, il pensiero corre a quello che Woody Allen aveva fatto per la Coop, producendo – peraltro – una delle sue poche campagne pubblicitarie veramente originali.

Lascia un commento

Archiviato in Glass Onion

Idee regalo

Lascia un commento

Archiviato in Glass Onion, I Am The Walrus

Pimp My Life

Mi parlano spesso di RealTime, uno dei canali che va per la maggiore. Quando mi descrivono i programmi che la rete trasmette, vengo a conoscenza di show in cui, ad esempio uno arriva e ti sistema casa. O ti sistema la famiglia. O il cane. O la cucina. O potenzia il tuo salone da parrucchiera.
Insomma: molti “soggetti” di questi programmi si possono riassumere con il modello archetipico di “Pimp My Ride”, programma targato MTV, dove c’era uno che prendeva la tua quattroruote scassatina e te la faceva diventare un’auto da tamarro patentato (è il caso di dirlo), dalle sospensioni iperboliche e dai colori fiammeggianti. Un “di più” barocco, sfrontato e identificabile nell’idea di “massimo ottenibile” che molti degli spettatori a cui il programma era indirizzato (per lo più giovani poco colti appartenenti a minoranze o a un “white trash” solo un po’ più qualificato) condividevano.
Ora l’idea si allarga e si trasmette a tutti i lati della vita: “Pimp My Life”, appunto. Mi pare che, alla base di questo, ci sia, come sempre, l’imposizione di modelli legata a un'”insoddisfazione coatta” rispetto a ciò che si ha e (quindi) a ciò che si è.
Tutto ciò mi preoccupa in maniera inversamente proporzionale a quanto mi sorprende: non c’è neanche l’idea, molto radicata nella tradizione americana, più che anglosassone in genere, del miglioramento del proprio stato attraverso l’impegno, il lavoro, la dedizione. No: il miglioramento è possibile unicamente se interviene un deus ex machina, che si Xbit o Alessandro Borghese poco importa. Meglio ancora se questo fattore esterno interviene in un ambiente già pieno di soldi. Mi raccontava una volta l’amico P. che uno dei programmi di RealTime riguarda l’annosa ricerca di un’abitazione da acquistare. I protagonisti, però, non sono due giovani alle prese con mutui ventennali, no: sono persone che hanno centinaia di migliaia di euro a disposizione. L’identificazione di “Pimp My Ride” diventa ora pura ammirazione per qualcosa che è “real”, sì, ma distante, irraggiungibile, intoccabile. Qualcosa che, probabilmente, abita agli stessi livelli (attico?) del deus ex machina che compare in scena. Eppure, il pubblico ci sta, guarda, si appassiona. Perché? Perché, banalmente, è un modo di dimenticare la propria vita, la propria auto, la propria casa? È sufficiente questa come spiegazione?

Lascia un commento

Archiviato in Glass Onion, Taxman