Martini on the Snow

23 febbraio 2005 - No, non è concettuale L’altro giorno una ragazza che conosco ha scritto su Facebook “Il prossimo che dice “che bella la neve” senza avere la minima idea di cosa voglia dire uscire per andare a lavorare, lo spacco a forza di ginocchiate in bocca.”
Ecco, sono molto d’accordo con questa ragazza. Non mi va di soffermarmi e dibattere sul fatto se l’Italia, la Regione, Bologna, il mio quartiere siano efficienti o meno nel gestire l’ennesima “emergenza” (quand’è che non c’è un’emergenza? Ecco un altro termine che dovrei trattare in un post di The Word). Fare le cose con la neve è un casino: punto. Perché la neve è un impedimento. In questo la neve è democratica, però: fa sbandare verso i guardrail macchine grandi e piccole, fa scivolare sui marciapiedi grandi e piccini e permette di perdere qualsiasi autobus.

In questo fine settimana che inizia oggi la metà delle cose in programma in città sono state chiaramente annullate per ragioni meteorologiche, tranne il primo dei due aperitivi in piazza Maggiore che mi vedono in consolle. Penso da giorni a nuove musiche “da aperitivo” per stasera, ma con questo clima mi vengono in mente solo canzoni natalizie interpretate da crooney con la voce di velluto o veloci ragtime sui quali immaginare capitomboli. Qualcosa, però, mi inventerò: per saperne di più, andate sul sito della bella manifestazione appena inaugurata in città, Arte e Scienza in Piazza. Ci vediamo alle 19: se sentite riecheggiare Bing Crosby a Palazzo Re Enzo, cercate il dj e schiaffeggiatelo.

Annunci

2 commenti

Archiviato in Eight Days A Week, I Me Mine

2 risposte a “Martini on the Snow

  1. Che bella la neve! 😀 Ok, scusa… io faccio corsi a scuola, che hanno chiuso: non capisco come mai chiudono la scuola, mentre l’attività lavorativa prosegue… (Fosse stato per me, sarei uscita imperterrita per seguire le mie 13 ore di corso).
    In ogni caso, è bello trovare semivuota la Salaborsa… 😀 poca gente… aaaah… tranquillità…
    Comunque sì, la neve crea disagio, non obietto. Però dovrebbero esserci delle soluzioni per chi è “costretto” ad uscire per lavoro… non so… Anch’io ho saltato un po’ di attività causa neve. Però… è occasione per andare più lenti, per prendere un ritmo più calmo… La vedo così.

  2. Francesco

    Mi piacerebbe tantissimo prendere un ritmo più calmo. Ma quando non si può? Maledetta neve! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...