Archivi del mese: luglio 2011

L’eccezionale ultimo sketch di Perle ai porci

2 commenti

Archiviato in Glass Onion, I Am The Walrus

Ho decisamente bisogno di una pausa

E la prova è che l’altro giorno ho preso in mano l’ultimo numero di “Jam”, l’ho sfogliato, e mi sono ricordato solo vedendo la mia firma in fondo a un pezzo che era uscita la recensione del concerto dei Black Heart Procession a cui ho assistito a fine maggio.
Come al solito, potete comprare il giornale o leggere a scrocco l’articolo cliccando sull’immagine sopra. Ma comprate “Jam”, che è bello, su.

Lascia un commento

Archiviato in I'm Happy Just To Dance With You, Tomorrow Never Knows

Sì, l’ho intervistata veramente

Less tv presents: PJ Harvey in Italy from Less tv on Vimeo.

Grazie a P. e J. No, non Polly e Jean, dai.

Lascia un commento

Archiviato in Glass Onion, I'm Happy Just To Dance With You

Parliamo un po’ su di noi – 4. Essere e avere

Scomodo il bestseller di Erich Fromm per raccontarvi di una mail arrivata non direttamente alla mia casella, ma giratami dall’amico Capra dei Gazebo Penguins. “Secondo me ti piace”, mi ha detto. Vero.

Caro amico e partner di essere,
Ehi, partner di essere non me l’aveva mai detto nessuno. Chi sei?

Sono Dr. Alexander Van Niewhoven l’assistenza personale al signor Henk Kroeze, Presidente, SNS Bank N.V, Paesi Bassi.
Piacere, Francesco. A malappena ho un conto in banca: Alexander, parti avvantaggiato.

Ho un suggerimento protetto business per you.
Se è protetto, sentiamo: si sa che i suggerimenti occasionali possono essere pericolosi. Almeno non mi vuoi sposare.

Before la rivolta Libia e attacco della NATO sulla Libia il nostro cliente il generale di brigata Al-Ali Atallah abgari,  Aiuti vicino a Muammar Gheddafi, che è anche un uomo d’affari fatto una serie di deposito vincolato per 18 mesi di calendario, con un valore di trenta milioni di dollari Stato Uniti (20.000.000,00 euro) solo nel mio ramo. Alla scadenza è stato inviato alcune comunicazioni  a lui, anche durante la guerra. succedendo ora in Libia.
Ammazza, Abgari… Ne aveva di risparmi! Sì, lo so che sta succedendo in Libia. Va’ avanti.

Ancora una volta abbiamo mandato un altro messaggio fuori tre settimane fa solo per noi per scoprire che il generale di brigata Al-Ali Atallah abgari con hiswife e unica figlia era stato ucciso da Gheddafi, gli uomini s quando avevano stava cercando di difetto al gruppo di opposizione in Bengazi.
Oh, ma è una tragedia, li hanno sterminati!

After ulteriori indagini si è anche scoperto che il generale di brigata Al-Ali Atallah abgari non ha dichiarato alcun parente più prossimo nelle sue carte ufficiali tra cui i documenti di suo deposito bancario.
E quindi?

E ha anche confidato in me l’ultima volta che Wasat mio ufficio che nessuno tranne me sapeva del suo deposito nella mia Bank.
E allora, Alexander, avevi una storia con lui: dai, io capisco la confidenzialità dei dati bancari… Ma poi, scusa, nessuno in banca si è insospettito? Uno ha milioni di Europa o Stato Uniti ed è normale?

So, venti milioni di Euro (20.000.000,00 euro) è ancora giace in la mia banca e nessuno potrà mai farsi avanti per reclamarlo.
Sì, ho capito la cifra (la cifra): li darete in beneficenza?

Quello che mi preoccupa di più è che secondo le leggi del mio paese alla scadenza 6 anni i fondi tornerà alla proprietà del governo olandese, se nessuno si applica a rivendicare i fondi.
Li riprende lo Stato, capisco: che sia lo Stato olandese mi preoccupa assai meno dell’eventualità che questi soldi arrivassero in Italia. Ma io che c’entro?

In questo contesto, il mio suggerimento per voi è che io vi piace come aforeigner di presentarsi come il parente più prossimo toBrigadier generale Ali Al-Atallah abgari in modo che si sarà in grado di ricevere i suoi fondi.
Ah, ecco! Una truffa da commedia all’italiana! Ma che è? Totò sceicco? Mi immagino vestito da arabo-dei-fumetti. E poi io non ho l’aspetto del libico, su…

Una volta che i fondi sono stati trasferiti conto bancario toyour nominato condividiamo nella proporzione del 60% per me, il 40% per voi,
Sessanta a te, quaranta a me: l’unica cosa finora verosimile della mail. Operazione “Conto Toyour” mi piace: la suggerisco come nome all’Interpol.

Se siete interessati vi prego di inviarmi informazioni di sotto,
1. Nome e cognome ed età
2. Numero di telefono privato
3. Fax Linea
4. Attuale indirizzo di residenza
5. Occupazione (OBBLIGATORIO)
Il numero di scarpe? Almeno il codice fiscale! Ma davvero vuoi sapere la mia OCCUPAZIONE?

Infine, dopo che io vi fornirà maggiori dettagli su thistransaction. Il tuo primo risposta a questo messaggio sarà highlyappreciated. Rispondi al mio indirizzo personale di posta elettronica: alexander.niewhoven @ aol.com
Distinti saluti

Ci penso e le faccio sapere… Sai mai che il Paese crolla: 8 milioni di qualsiasi cosa farebbero comodo.

3 commenti

Archiviato in I Am The Walrus, Please Mr Postman

“Ghiaccio, non rocce!” (cit.)

È quello che ci vorrebbe in questi giorni, anche nella rassegna Bolognetti on the Rocks, che vede me e i miei colleghi della radio mettere i dischi prima e dopo alcuni dei concerti ospitati dal quadriportico bolognese. Domani sera io e la cara Eleonora cercheremo di farvi danzare (con sudata moderazione) dopo il live di Be My Delay e Father Murphy. Chi indovina la citazione del titolo può venire a dirmela al mixer e gli/le offro da bere. Davvero. Dei due dj sono quello con la barba. Più facile di così…

Lascia un commento

Archiviato in Eight Days A Week

Mamma, mamma, sono (di nuovo) su YouTube!

Niente resterà impunito: né io che sembra che stia su una sedia infuocata, né l’espressione della conduttrice quando dico male di Inarritu. Buona visione.

1 Commento

Archiviato in Act Naturally, Glass Onion

Mamma, mamma, sono sulla Rivista del Mulino!

Vi ricordate quei tre post pubblicati alla fine di marzo nei quali riunivo alcune riflessioni su Facebook e il modo in cui il social network ha cambiato il web e la comunicazione? No? Be’, nel caso sono qua: parte 1, 2 e 3.
Nel maggio scorso è uscita sull’edizione on line della Rivista del Mulino una specie di rivisitazione riassunta di quei tre post.
Ora, invece, è uscito il terzo numero del 2011 della rivista cartacea: nella sezione “tendenze” c’è un mio saggetto sulla questione, che riprende e rielabora le parole scritte in questo blog all’inizio della primavera.

Lascia un commento

Archiviato in The Word, Tomorrow Never Knows