Mother Francesca comes to me…

Quando, tre anni fa, ci fu il via libera all’uso negli spot delle canzoni dei Beatles, ipotizzai delle applicazioni turpi delle stesse, a seconda del prodotto da commercializzare. Ma la pubblicità (firmata da Sam Mendes) della Telecom non ha nell’uso di una pessima cover di “Hello, Goodbye” il suo difetto peggiore.

Che noja (con la “j”) mortale: come si fa a creare uno spot da 50″ in cui dal primo istante sai di cosa parlerà, come lo farà e come andrà a finire?

4 commenti

Archiviato in Glass Onion

4 risposte a “Mother Francesca comes to me…

  1. Però fa comunque venire voglia di andarsi a riascoltare la canzone dei Beatles. Almeno su di me ha avuto quest'effetto. e tornare ai beatles fa sempre bene

    Noodles

  2. senza dubbio, è vero.
    però preferisco altri stimoli. meno noiosi, ecco.

  3. utente anonimo

    Mi pare lo sfruttamento dell'effetto "La meglio gioventù": la rappresentazione del corso del tempo ha sempre presa su chi lo ha vissuto – e anche su chi non lo ha potuto vivere, come il sottoscritto, cui lo spot non dispiace.
    La cover di "Hello, Goodbye" invece è davvero brutta

  4. a me fa sempre effetto sentire i Beatles in televisione. è sempre un misto fra il piacere e uno stupro.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...