“Noi siamo le esplosioni nel cielo”

So Long, Lonesome

Gli Explosions in the Sky fanno dischi che tu metti nel lettore mp3, o nello stereo, premi play, e ti fai gli affari tuoi. E poi, ad un certo punto, ti fermi immobile ad ascoltare, interrompendo qualsiasi cosa tu stia facendo, senza che abbiano detto una parola.
Gli Explosions in the Sky fanno concerti, come quello di ieri all’Estragon, in cui iniziano piano, e tu sei con loro, teso a percepire ogni più lieve nota, e poi ti portano su, su, su, fino (ad esplodere) nel cielo.

Non so quanto sia ampio il cielo del Texas da cui viene la band, ma so che i quattro sfruttano ogni possibilità dinamica dei loro strumenti, che diventano piccole gocce di pioggia o squassanti tuoni, dal pianissimo al fortissimo, gradualmente o all’improvviso.
E gli Explosions in the Sky emozionano come ogni fenomeno naturale che ci si mostra con possenza e come ogni manifestazione della delicatezza.

“Buonasera a tutti, grazie di essere venuti”, ha detto uno di loro in italiano. “Noi siamo le esplosioni nel cielo, e questa sera ci metteremo il cuore.”
Ed è iniziato uno dei concerti più belli a cui abbia mai assistito.

P.S. Scaricatevi qua il loro album The Rescue, gratuitamente, se avete problemi di coscienza.
P.P.S. Se la mia settimana di concerti ininterrotti inizia così… Tra poco Vampire Weekend, domani Why?, giovedì Cesare Basile, venerdì Spiritualized, sabato Campbell&Lanegan, lunedì Malkmus & the Jicks…

14 commenti

Archiviato in I'm Happy Just To Dance With You

14 risposte a ““Noi siamo le esplosioni nel cielo”

  1. utente anonimo

    Fra c’ero anch’io a vederli, sono stati realmente spettacolari, ero abbastanza commosso. Era un pezzo che non vedevo un concerto così intenso e coinvolgente.
    A presto, Rob

  2. mfv

    io sono venuto da roma per vederli e, sinceramente, è stata l’ora meglio passata dall’inizio del 2008. e non solo perchè il mio 2008 non è stato granchè. Proprio perchè gli eits sono strepitosi
    e questo è anche un tributo a Città del capo che me li ha fatti conoscere
    saluti
    m.fv.

  3. utente anonimo

    Io li ho visti in aprile a Providence, in un meraviglioso locale chiamato Lupo’s, ricavato da un vecchio teatro pieno di cristalli e velluti. Mi sono emozionata tantissimo. Quando sono partire le note di “First breath after coma” mi sono letteralmente venuti i brividi. Eccezionali.
    Tanti baci e spero di vederti presto! (La)lù

  4. sto provando a fare quella cosa che non si può dire ad alta voce e tantomeno scrivere (qui i muri sanno anche leggere) passando dal link che hai messo, ma per qualche motivo vengo censurata… maledetto Firewall, hai vinto anche stavolta!

  5. Con le prime righe del tuo post hai centrato perfettamente la musica degli “Eplosions in the Sky”.

    Mi sa che mi sono perso un concerto davvero intenso, uffa.
    Speriamo in una prossima volta…

  6. Son ben cosciente di essere bet Vs tutti in questo. L’ho visto nei volti di chi è uscito dal concerto. Forse ero la persona sbagliata al concerto giusto. E’ vero quello che dici, “tesi a percepire ogni più lieve nota” ma per me erano note già sentite e non son riuscite a farmi lievitare. Ho chiuso gli occhi sì, ho fatto il mio “trip”, ma perchè così son abituata a fare con la musica, non perchè quella musica lì mi abbia preso. but that’s bet, now. Di sicuro tu ne sai più di me…😉

  7. rob: commosso è la parola giusta. io avevo lo stranguglione prima che inizassero a suonare.mfv: grazie. porto gli omaggi in radio🙂lalù: quella che citi è una delle mie preferite. e quando l’hanno fatta ho sentito le ginocchiette fare jack-jack.sonicgirl: daje, riprova. o se no, usa spudoratamente il mulo… parole: dispiace dirlo, ma… sì, ti sei perso un concerto clamoroso. torneranno.bet: i bet (!) you’ll change your mind. maybe😉

  8. Li ho ascoltati il giorno dopo a Zurigo, meravigliosi… penso tu vada o a Milano o Roma anche per i Sigur Ros… o mi sbaglio?
    Federica da Zurigo…

  9. utente anonimo

    Mi son dimenticata di dire che ti invidio gli Spiritualized, oh yes! love and (explosions in the) sky. Bet

  10. federica: mi sa che i sigur ros li salto… comunque sono anche a firenze: è più vicino🙂bet: il concerto degli spiritualized è saltato, ahimè…

  11. Per caso sai dove raccattare il bootleg di quel concerto? (c’ero pure io).

    Ho trovato solo quello dei Sigur Ros a Firenze (ero pure lì)

  12. mmm, no… immagino che su emule e soulseek tu abbia già provato…

  13. utente anonimo

    sgironzolavo cercando i gomez e ho trovato loro.. http://www.archive.org/details/eits2008-05-29.dpa4061.flac24
    ..quindi me li ascolterò
    grazie x la dritta
    MG

  14. Pingback: L’antica arte del fare le liste musicali di fine anno | A Day in the Life

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...