Neighbours 6 – Compagni che sbagliano

Ne è passato di tempo dall’ultima puntata, eh. E ne sono passate di case. Beh, prima di lasciare – tra poco – questa in cui vivo, non potevo non darvi ragguaglio del mio vicino di casa.
Ho intuito la presenza di un essere umano nell’appartamento accanto in maniera decisamente sottile: sono stato svegliato una mattina da “La Locomotiva” di Guccini sparata a palla. Il che è sempre meglio che essere svegliati da “Faccetta nera”, anche se il mio sogno sarebbe quello di essere svegliato da Tori Amos che mi canticchia nell’orecchio. Se proprio devo essere svegliato.
Insomma, il vicino non si accontentava, però, di farmi ascoltare un cd, no. Ci suonava e cantava sopra. Dopo ripetuti ascolti mi sono reso conto che era la versione dei Modena City Ramblers. E ho capito che si trattava di una situazione pericolosa: eh già, perché ci si può invasare (nel dumilasèi) dei Modena City Ramblers solo in tre casi:
1. quando si ha un’età compresa nella fascia teenageriale;
2. quando si è uno dei Modena City Ramblers;
3. quando si è il risultato di un esperimento di congelamento del corpo, iniziato intorno all’aprile del 1994, e finito, evidentemente dodici anni dopo.
Peraltro mi rendo conto che queste tre opzioni potrebbero essere combinate tra loro, ma evitiamo i cattivi pensieri.
Alla settantesima volta in un fine settimana che si sente “La Locomotiva”, girano le palle anche a tutti, probabilmente anche a Guccini. Che poi, cantare, con tanto di chitarra, canti rivoluzionari da soli è un triste segno dei tempi. Dopo l’incazzatura, quindi, avrei voluto organizzare per il compagno-vicino quanto meno una manifestazione di quartiere, di palazzo, di pianerottolo, qualsiasi cosa per farlo sfogare e per riavvicinarlo al suo habitat.
Ma lui mi ha preceduto: adesso non ascolta (suona-e-canta) solo “La Locomotiva”, ma tutto il primo disco dei Modena City Ramblers, Riportando tutto a casa, a.d. 1994, con particolare enfasi (ma che ve lo dico a ffà) su “Contessa”.
Anche il vicino, insomma, vuole il figlio dottore.

11 commenti

Archiviato in I've Just Seen A Face

11 risposte a “Neighbours 6 – Compagni che sbagliano

  1. fio

    siamo nella stessa barca. i miei ascoltano una qualche radiaccia orrenda [è grazie a loro che io conosco ogni canzone in top5 in questo momento, ivi comprese anche quelle in top 10 come la canzone del festival di dolcenera, più quella che prima era in pulp fiction e adesso ci rappano sopra, più il duetto degli u2 con mary j blige] e quando la spengono io sento distintamente maurizio costanzo la domenica e maria de filippi nel resto dei giorni, anche se ultimamente non l’ho più sentita [o è morta, o è finito il programma]. le pareti di questo posto sono di maledetta carta velina, cazzo.

    io oltretutto neighbourizzo anche con una giovane mamma zingara che ogni mattina alle otto e trenta si appoggia al portone di fianco al mio, e inizia a ripetere aiuuuUUUuuUUUuuutami con una frequenza sei volte al minuto e in un modo così subdolo che ti si insinua nelle orecchie, cosìcchè dopo due ore io non solo ne ho le palle piene, ma mi crescono dentro anche istinti vagamente omicidi, e la voglia di tirarle addosso una decina di euro in monete da un centesimo.

    non so perché te lo racconto. suppongo che farei a cambio con il vicino che ascolta i modena, se tu ti prendessi i miei due.

  2. Compagni dai campi e dalle officine
    prendete la falce portate il martello
    scendete giù in piazza picchiate con quello
    scendete giù in piazza affossate il sistema. Non volermene, la tua vicina in incognito

  3. ma quanto mi piace questa saga
    mi sa che ti ruberò l’idea, pure io ho dei vicini che te li raccomando, ed essendo in centro storico sono centinaia…

    yup

  4. utente anonimo

    al piano di sotto il vicino espone ostendando relativo drappo al balcone il proprio orgoglio NOTAV. ma viviamo a Torino a 10 minuti dal centro.
    però simultaneamente (e qui mi sfugge il percorso mentale) si oppone in maniera virile all’applicazione dell’aumento salariale da CCNL al giardiniere.
    mah.

  5. fio: una proposta tipo dixan! ah, no, signora fio, io tengo il mio bel fushtino…redlock: siete in due: vi metto in contatto e organizzate ‘sta bella manifestazione, eh.🙂yup: vai vai, facciamo il neighbours database!anonimo: geniale, il vicino. e non si può neanche dire che badi solo al suo orticello🙂

  6. utente anonimo

    il NOTAV sta anche montando una sommossa popolare per la sostituzione dell’amministratore di condominio, probabilmente perché vorrebbe dare sfogo alla propria evidente potenzialità di capopopolo.
    se ciò avverrà saremo probabilmente il primo condominio denuclearizzato della zona.
    io nel mio piccolo gli ho causato una vasta macchia sul soffitto (germinata in verde) nel sostituire la vasca da bagno, tanto in quanto la libertà è partecipazione.
    ste (scusate se non avevo indicato il nome nel precedente messaggio)

  7. guarda, il peggio che ho sperimentato finora è la vicina che fa esercizi di clarinetto. Roba da diventare scemi. Sembrava la musichina del videogioco dello sciatore del Commodore 64…
    Però sì, anche la tua situazione deve essere terribile. va bene tirarlo fuori una volta ogni tanto, quel disco… ma a loop… brrr!

    a.

  8. anch’io la prossima settimana cambierò casa…chissà chi mi aspetterà dall’altra parte del muro…!

  9. ste: attenzione, si stanno ponendo le premesse per una guerra civile (hai presente il condominio di ballard?)scott: forse io sto espiando le mie colpe di bimbo che suonava il violino, allora. posso assicurarti che è peggio del clarinetto…valela: in bocca al lupo, allora. in questi casi serve sempre. poi mi fai sapere…

  10. quel disco è cmque molto caruccio.

  11. Pingback: Morozzi e la dura legge della musica | A Day in the Life

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...