Loffi di Capodanno

Nei giorni scorsi un argomento, come sempre, è stato tabù: piuttosto che fare o rispondere alla domanda “che cosa fai a Capodanno?” la gente si immergeva in profonde discussioni sul caso Unipol o si esercitava in appassionati commenti alla biografia del nuovo governatore della Banca d’Italia (Draghi: ragazzi, con un nome così secondo me siamo a cavallo).
Una cosa mi ha colpito, però: che quando l’argomento veniva infine affrontato si dipingevano sui volti delle espressioni inedite. Non la tipica espressione da punto interrogativo, che ha come corollario “qualsiasi cosa tu faccia, contami, ci sono anche io, perché quest’anno sono disperato”. Non la tipica faccia da quello che la sa lunga, ed è stato invitato ad un esclusivo party con modelle e modelli ai quali è stato vietato di indossare qualsiasi vestito che abbia una superficie superiore ai dieci centimetri quadri. Nessuno ha anche urlato cose come “ma che me frega, io ho comprato una pasticca grande come un 33 giri e me la smangiucchio passandomi tutte le discoteche della riviera”.
Piuttosto, tutti avevano stampata sul volto la stessa faccia che ho visto spesso, nell’ultimo anno: una faccia che comunicava apatia, insoddisfazione, scoglionamento, lasciami perdere.

Ecco, allora l’augurio sincero che faccio a tutti per il prossimo anno è questo senso di disagio, insicurezza, stanchezza, impotenza rimanga ancorato all’ultimo minuto del 2005, e che si possa vivere il 2006 più sereni, leggeri, contenti e sorridenti.

Ehi, ragazzi: ma allora il Prozac fa veramente miracoli!

3 commenti

Archiviato in I Me Mine

3 risposte a “Loffi di Capodanno

  1. emh, già , condivido in pieno, per svariate ragioni il 2005 è stato all’insegna dello scoglionamento che si è impennato nel decidere che fare questa sera.
    Scartata l’ipotesi pasticca 33 giri (non male come immagine) , si prevedono gare di pupazzi di neve che tanto , dato il clima , saremo tutti bloccati.
    tiè, meglio esorcizzarla la sfiga.
    un saluto da un lettore / ascoltatore

  2. Pensa che bello: un anno di facce che comunicano sentimenti, soddisfazione, esaltazione, lasciami trovare.
    Senza Prozac.

    Buon anno, di cuore.

  3. metterci più contentezza di quella che hai visto, amor, non sarebbe proprio stato possibile.
    personalmente però ho un rimpianto… il cotechino con il purè. io non l’ho avuto! sigh!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...