Crisi? Quale crisi?

Leggo questo post del pur sempre valido Inkiostro. Alle sue parole vorrei aggiungere che il concorso non è sponsorizzato, che ne so, dalle Cartiere Pigna, dal comune di Baricella o da una ACLI, bensì da MTV, una televisione che, come praticamente tutte le altre, ha sempre mostrato la ricchezza (degli altri) come qualcosa di raggiungibile e quasi tangibile. Il primo premio del prossimo concorso, probabilmente, sarà una pensione di invalidità truccata.

Poi vado al bancomat. Di solito accoppio al viaggio verso il bancomat la giocata al Superenalotto: le possibilità di vincere al gioco, infatti, stanno diventando preoccupantemente uguali a quelle che mi paghino per delle cose fatte o scritte mesi fa. Non so se ve ne siete accorti, ma ormai le schermate di attesa dei bancomat hanno delle pubblicità, che di solito riguardano particolari promozioni o vantaggi offerti dalla banca stessa. Beh, sullo schermo del bancomat dove sono andato un paio di ora fa è comparsa una scritta che diceva, più o meno:

Ricomincia la scuola! Chiedi i prestiti agevolati per i libri di testo!

Ora, ho comprato gli ultimi libri scolastici esattamente dieci anni fa. Oh, mica era una spesa fatta a cuor leggero, ma andare in banca a chiedere i soldi per comprarli, beh, sarebbe stato quanto meno bizzarro. (E lo so che c’è qualcuno tra di voi, cuore candido, che pensa a quanto sono generose le banche ad offrire questa opportunità…)

Torno a casa, controllo l’e-mail. Appena dopo la laurea mi sono iscritto ad un paio di siti che offrono lavori vari, di solito sottopagati, interinali, sodomy-friendly, eccetera. Di solito ci si iscrive a questi servizi compilando una scheda personale, una specie di curriculum, con ciò che si ha fatto e ciò che si vorrebbe fare, quanto meno approssimato ad una serie di campi di interesse.
In una mail mi offrono un posto da portiere condominiale in zona centro, a Roma. Richiesta esperienza precedente, laurea o diploma, età tra i venticinque e i trenta.
Il lavoro è per due settimane.
Non ci credete? Volevo mettere il link, ma mi sono accorto che l’offerta non è più presente sul sito.
E penso che, da qualche parte, a Roma, adesso un giovane portiere sta lì, smista la posta, saluta gli abitanti del palazzo e pensa, come tanti di noi, che così davvero non va più.

Annunci

13 commenti

Archiviato in We Can Work It Out

13 risposte a “Crisi? Quale crisi?

  1. Ma pensa: ne ha parlato Beppe Severgnini giusto oggi su Italians, e a te quell’annuncio penoso era stato addirittura propinato come offerta di lavoro!
    Ma è con mansioni di prestigio come questa che si riesce a raggiungere il mitico milione di posti di lavoro.
    A proposito: oggi è il compleanno di Silvio…

  2. beh, questo post mi da due pessime notizie:

    – ho dato oggi l’ultimo esame dell’Università e, in futuro, non potrò più pensarci senza ricordarmi che era anche il compleanno di Lui Là..

    – Ho dato oggi l’ultimo esame dell’Università e si chiude un’epoca felice..

  3. Peccato che non abbiamo Igor ma Silvio, e che non si neghino gobbe ma crisi… Sempre fulminanti, i tuoi post. Bravo!

  4. mi ripeto
    italy is drowning and i live by the river

  5. Ciao, ti piace l’arte? Vuoi votare un mio lavoro con un semplice clik? Foto n. 34.
    Grazie infinite ;D

  6. Ciao, voteresti un mia opera?Basta un semplice click.
    Foto n.34.
    Grazie infinite! 😀

  7. utente anonimo

    …se ti può consolare oggi mi hanno pagato un lavoro consegnato il 27 luglio scorso… quindi abbi fede!
    è proprio un bel mondo…
    C.
    http://lafortezza.blogspot.com/

  8. Significativo, davvero. Il fatto che sia retribuito, chi è neolaureato lo sa, è un fatto più unico che raro. In tema “stage & sfruttamento”, tra l’altro, si potrebbe aprire un capitolo spaventoso.

  9. meglio fare il portiere della casa al numero 24 della ehrelichstrasse o del palazzo observatory mansions?

  10. Provi a effettuare una ricerca con “lavoro a tempo indeterminato”.. il PC le riderà in faccia :/

  11. ti danno anche del lei
    he he he

  12. tutti i posti di lavoro fanno brodo, no?
    questo paese è allo stremo ma finge di non accorgersene, un cellulare nuovo e si riparte di slancio. a rate, ovvio

  13. utente anonimo

    You are using a copyrighted image of mine. Please remove or add appropriate credit.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...