In(dig)nazione

La vera impotenza, secondo me, c’è quando non si riesce, metaforicamente, ad arrestare o a controllare la più bastarda delle dimensioni: il tempo. Mi spiego.
Se devo risalire, dal punto di vista temporale, appunto, all’inizio, a quando ho sentito per la prima volta il sentimento misto di schifo e paura che governa spesso la mia vita, mi trovo in difficoltà. Uno a zero per il tempo. Il 1994? Forse. Ma la “scesa in campo” non è abbastanza. Per capire, allora, mi attacco ad un libro che ho appena letto, Teledittatura, opinabile, forse, per alcuni meccanicismi e per uno sguardo troppo immediatamente rivolto a teorizzazioni che si rifanno alla Scuola di Francoforte, ma prezioso per le cronologie che contiene. Se il 1994 segna uno scarto forte tra il prima (gli affari) e il dopo (la vita politica, chiamiamola così), è dall’inizio che il nostro si è appoggiato alla politica, e questa non è una novità, per consolidare i suoi affari. L’hanno fatto in molti, si dirà. Sì, ma lui, ammettiamolo, è stato molto più efficace di altri.
Prendiamo allora il 1976: due anni prima della mia nascita tutto (molto) era già stabilito. Dal “Piano di rinascita democratica”, alle prime campagne elettorali sulla piccola Telemilano, a favore della destra DC e dei socialisti craxiani.
Saltiamo in avanti di vent’anni, cercando di distrarre il nostro avversario, il tempo, con un tunnel, temporale ovviamente. Si credeva che tutto fosse finito. E invece no. Perché, quando si sarebbe dovuto fare qualcosa, non lo si è fatto, mantenendo in vita uno stato di illegalità che c’è ancora adesso.
Immaginate una macchina parcheggiata in un posto dove non dovrebbe stare. Nonostante le multe, la macchina non si sposta. E, ancora più grave, non viene spostata.
Stiamo arrivando a tracciare le linee di parcheggio ad hoc intorno alla macchina. Dove non c’era un parcheggio, adesso c’è.
Le strisce sono praticamente tracciate. Protestare, ormai, è tardi.
Due a zero per il tempo.
Due, come gli anni passati senza satira in televisione: lo ricorda molto bene Gabriele. La satira di cui parla la Guzzanti in Viva Zapatero!. Non stiamo parlando di stragi, omicidi, calunnie. Direi anche di furti, ma ormai… Stiamo parlando di satira, qualcosa che c’è da sempre e ovunque, e in termini ben più pesanti che da noi, anche nella vituperata America (da noi, per esempio, sarebbe possibile fare un “sito civetta” del governo come questo?). Bene: guardiamoci indietro, e vediamo due anni, cento settimane, settecento giorni senza satira. Quei due anni, ormai, sono andati.
Tre a zero.
E quando avevano cancellato Raiot? Tutti in piazza, nei teatri, solidarietà, movimento e movimentismo. Tanta indignazione. “Siamo indignati”, dicevamo. Oh. “E’ indegno che…” Sì, cazzo, siamo indignati! E poi?
Non mi ricordo quando tutto è finito, non mi ricordo perché è finito, perché non si andava più nei teatri, perché non si manifestava più. Sarà stato l’arrivo dell’estate, non ricordo, ma ormai è andata.
Quattro a zero.
Nel frattempo passano le leggi, e ci mancherebbe, no, se uno andasse a discutere il lavoro del Parlamento… Però passano le leggi che ci facevano orrore, per le quali abbiamo fatto marce e girotondi, e che vanno a toccare le basi dell’ordinamento: giustizia, fisco, codice penale. Anzi, molte di queste leggi sono già passate.
Cinque a zero.

“No, non vedo il rischio di una dittatura vera e propria, vedo però il rischio di un regime a libertà fortemente limitata, conforme agli interessi economici, istituzionali e culturali del partito-azienda e dei suoi alleati, con conseguenze reversibili solo con enormi difficoltà e in tempi non brevi (…).” (Paolo Sylos Labini, “Il Cavaliere ineleggibile e il D’Alema smemorato”, in Micromega dicembre 2000)

Sei a zero.

Cappotto.

11 commenti

Archiviato in Taxman

11 risposte a “In(dig)nazione

  1. …ma infatti la cosa che mi fa più rabbia (ne ho parlato anche un po’ sul, mio blog, a caldo dopo aver visto Viva Zapatero!) è che non so come agire. Non si capisce se tutta l’attività di prima (manifestazioni, girotondi) era inutile o se siamo stati semplicemente troppo pigri per continuarla. O -peggio- se tutta quell’attività lì è stata ingoiata e risputata con sopra un’etichetta e così ha perso di autenticità. Per esempio mi ricordo che ero contenta di partecipare al social forum a Firenze, e mi sono ritrovata nei telegiornali ad essere una specie di dodicenne con delle utopie alla moda. Sotto la bandierona della pace.
    Se nemmeno votare significa più qualcosa, in cosa devo sperare? La rivoluzione?
    scusa lo sfogo…
    C.

  2. Ah, quando c’era Lui, caro Lei…

    E con “Lui” mi riferisco a Joseph Stalin, chiaramente.😉

  3. A volte mi chiedo se siamo noi italiani ad aver sempre avuto insita in noi una cultura “berlusconiana”, e forse in parte è anche vero, oppure se Berlusconi è riuscito a imporci la sua cultura, la cultura del furbo a spese degli altri, la cultura dell’arrogante, la cultura del disonesto.

  4. a questo proposito, leggi il libro di ricci, caro succo.

  5. Temo che l’ultima arma sarà davvero il voto, per questo qualunque ipotesi di riforma elettorale dovrebbe far alzare le barricate in piazza e l’ostruzionismo, come già in parte praticato e annunciato, in parlamento. E se davvero il paese è malato di berlusconismo (non ci credo, semmai si è montanellianamente vaccinato) prepariamoci a curarlo.

  6. Insomma, lo devo proprio vedere, Viva Zapatero…

    Intanto segnalo a te e ai tuoi lettori l’articolo di oggi sul Carlino: il bimbo dei Kinder è bolognese. Poverino.

  7. Grande pezzo. Un’angoscia che avanza in molti di noi.

  8. storicamente di inattivo c’è stato un intero popolo, ma poteva farci qualcosa? e quello che è stato fatto dopo come reazione dobbiamo temerlo anche noi? parlo ovviamente del popolo ebraico e di israele

  9. come cyrano: mi sembra che il tuo commento sia, come dire, vagamente fuori luogo.

  10. utente anonimo

    è sfiancante indignarsi e lottare tutti i giorni mentre assisti all’inerzia e alla pochezza degli organismi politici che sarebbero in grado di fare qualcosa di concreto con l’appoggio della protesta popolare
    la palla a un certo punto passa ai politici
    unica alternativa la rivoluzione armata, ma a fronte di un “regime” che non utilizza la forza bruta per ottenere i propri scopi bensì mezzi subdoli non sarebbe giustificata

    oppure un piccolo ictus, non fatale, intendiamoci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...