Radio S. Stefano – Palinsesto estivo

Andare a leggere in piazza Santo Stefano a Bologna rende automaticamente più belli. Provate a passarci e a buttare un occhio alle persone che stanno sotto i portici con un libro tra le mani: vi sembrerà che la piazza sia invasa da una teoria di bella umanità e pure intellettuale, uau. Questo a colpo d’occhio. Poi, se vi avvicinate alle singole persone, ecco che la cornice meravigliosa della piazza perde di efficacia e quello che vedete è un mucchio di depressi che leggono Baudelaire a trentacinque anni, sottolineandolo, o di studenti che tentano di rendere piacevole qualche esamaccio di analisi studiato su appunti fotocopiati da una ciellina.

Ma in piazza non regna un silenzio da biblioteca, caratteristica che pare, in verità, anche le biblioteche stiano perdendo. No, ci sono delle voci, di vario tipo.
Qualche giorno fa, per esempio, sono andato con il mio bel libro e mi sono seduto sotto il portico vicino a quello occupato da uno che suonacchiava una chitarra. Visto che era privo di bonghi, non mi sono preoccupato e ho iniziato a leggere.
Dopo un po’ la melodia mi distrae. Mi sembra di conoscerla, quindi mi metto ad ascoltare. Il tizio ripete in maniera ossessiva qualcosa sulle farfalle, e mi chiedo: “Sarà di F. De Gregori? Sarà di F. Mannoia? Sarà di F. Venditti?” Continuo ad ascoltare, e mi rendo conto che le farfalle sono il secondo termine di paragone di qualcosa che non capisco. Il tizio continua a canticchiare, con la stessa melodia, qualcosa sulle farfalle. Mi rendo conto che potrebbe trattarsi di un entomologo in libera uscita, quando, finalmente, il mistero si rivela. “Le donne sono come le farfalle”, canta, cercando rime, assonanze e altri accostamenti poetici. E quindi le donne sono “farfalle con le spillette”, immagino nel caso di ragazzine che hanno capito la tendenza. D’altro canto alcune farfalle, non le più felici, hanno a che fare con gli spilloni: una spilletta che sarà mai. E poi, ancora, “le farfalle, come sono belle”, e via dicendo.
Dopo un quarto d’ora si esauriscono due cose: la capacità immaginativa del cantautore e le mie palle. Ed è proprio in quel momento che si svela il succo della canzone. Per non turbare gli animi gentili in ascolto, il nostro intona “le farfalle sono belle ma rompono le palle”, cantando sottovoce l’ultima parola.
A quel punto, soddisfatto, se ne va.

E attacca un omino che vive in piazza, facendo incetta di cianfrusaglie accumulate negli anni, che parla, parla, con una voce roca e nasale simile a quella sentita alla stazione di Genova Porta Principe qualche settimana fa: che sia uno standard? L’omino, però, parla, parla, si e soprattutto inveisce: contro i preti, contro i cibi, contro la storia e la geografia, contro tutto e tutti.
Poi, dopo qualche secondo di silenzio, esclama: “Quando devo cacare e non mi viene, penso all’umanità.”
Tutti sollevano gli occhi dal libro, dagli appunti, dalla donna e uomo che stanno baciando e irrompono in una standing ovation. Interiore.
Solo i turisti stranieri non capiscono e passeggiano canticchiando una melodia che assomiglia tanto alla canzone delle farfalle.

11 commenti

Archiviato in I Me Mine

11 risposte a “Radio S. Stefano – Palinsesto estivo

  1. fio

    (ma chissà chi è che mi ha insegnato la pratica dell’ “andare a leggere in santo stefano”, eh)

  2. la pratica di andare a leggere nel parco è diventata out?

  3. Eccone un altro che ha adottato quella splendida cornice per accomodarsi a sfogliare. Mi unisco, adoro quella piazza.

  4. la cosa più bella di piazza s.stefano è il mio amico manuel che vende le birre.

  5. IRI

    io ogni volta che ci vado a leggere mi distraggo troppo a osservare tutti quelli che passano.

  6. E pensa se avesse cantato di continuo “Farfallina” di Luca Carboni… Ti saresti esaurito molto prima!

    (Ho ancora un paio di valigie da portare su in casa… se nel frattempo ti è passata la tosse)

  7. (A proposito di bonghi…)
    Immaginati una spiaggia tipo caraibico (ma italiana) meravigliosa, 4 amiche che leggono, prendono il sole e si vogliono bene in silenzio, e immaginati in lontananza arrivare due tipi con le scarpe da ginnastica e un enorme bongo..
    Forse con le farfalline sei stato fortunato…😉
    ciao
    C.

  8. fio: ma che, io? o signùr. non ti veniva sbondaneo?🙂bando: no, no, ci sono anche andato. ma sono allergico, e quindi inizio presto a starnutire sul libro, con orrende liquide conseguenze.roberto: … e siamo tantissimiiiii.iri: effettivamente può essere un problema. ma io ci penso e mi dico: in un pomeriggio estivo passato a leggere in piazza santo stefano, quante, dico quante persone hanno attirato la mia attenzione? ehm. esempio sbagliato.latifah: vero, vero. il tuo radicato ottimismo, però, non aiuta per niente con la tosse… (scusate, è ‘na storia lunga, circolare, non c’è niente da vedere…)c.: beh, i bonghi, chiaro, non ne parliamo neanche. sai quante volte mi sono alzato e me ne sono andato per colpa dei bonghi? bella la cosa che tu e le tue amiche vi volete bene in silenzio…

  9. utente anonimo

    indovina?
    putroppo, non ho mai messo neppure un piedino a bologna… ci sono sempre solo passata per andare oltre.
    ma… sono riuscita a immaginare tutto quello che hai raccontato😉
    e lo so. prima o poi dovrò recuperare🙂

    mara.

  10. utente anonimo

    Ogni tanto riesco a usurpare un computer all`ufficio di collocamento e a smentire il mio luddismo.
    Bellissimo post, capace di innescare un´insospettabile saudade in salsa bolognese.
    Mi manca l´acciottolato di Piazza Santo Stefano e qui farfalle non ce ne sono.

    Saluti da Oslo,
    Lorenzo

    Ha det bra Fra!

  11. utente anonimo

    ma è ancora vivo quel barbone che parla con la voce roca metallica alla stazione di piazza principe a genova? cazzo ricordo perfettamente la sua voce, sembrava avesse ingoiato una radiolina…
    endriu

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...