Free

Tra tutte le parole importanti, care e cari, “free” ha un posto particolare. Comprensibile a chiunque, spesso legato al sostantivo “freedom”, questo aggettivo è una ventata d’aria  per il dissidente imprigionato, per il consumatore squattrinato, per il pensiero oppresso. E anche per il lavoratore atipico.
Ne inizio a comprendere i diversi significati con il passare del tempo, e con l’esperienza. Eccone alcuni.
Letteralmente “stampa libera”, in realtà il “free press” è un giornale o giornalino o giornaletto che viene diffuso gratuitamente per strada o nei locali. Può essere informativo (City, Leggo, Metro), con tendenze di costume (Urban) o semplicemente pieno di appuntamenti ed eventi che si svolgono nella città in cui viene distribuito. Un paio di mesi fa mi contatta un free press di quest’ultimo tipo, con sede a Bologna, e mi chiede di scrivere di cinema per loro. Nella mail si intende chiaramente che non potrò essere pagato. Ed ecco il duplice significato della parola gratis. Non paghi per prenderlo, non paghi per scriverci sopra. Siccome è una vita che lavoro gratis, tento al primo colloquio che ho con il direttore di ottenere qualche vantaggio materiale dalla mia eventuale collaborazione con il giornale. Dopo avere scartato un pagamento in termini di “visibilità” (visto che, sebbene la mia firma in fondo all’articolo sia in grassetto, sempre di carattere in corpo tre si tratta), dopo avere rifiutato un compenso in forma di caciotta venuta direttamente dalla Sicilia, fatta con le pecore della prozia della redattrice, riesco a piegare i vertici del free press per farmi avere una tessera che mi permetterebbe di andare a vedere tutte le proiezioni di un noto multisala cittadino gratis, free. E quindi accetto.
Per scoprire che la tessera è sospesa durante i primi dieci giorni di programmazione di qualsiasi film. Qualsiasi. Ora, dovendo guardare i film al massimo entro una settimana dall’uscita, per assolvere i miei doveri radiofonici, la tessera si rivela fondamentalmente inutile.
Rimane, quindi, il problema di fare dei soldini da qualche parte, per sfruttare il tempo libero che il lavoro part time mi lascia. Scartando alcune attività a me poco consone (tipo carpentiere, maestro d’asilo, fisico nucleare e, soprattutto, capo del mondo, che richiederebbe – ne sono certo – un full time che non mi posso permettere), penso ad un’altra tessera che ho e mi butto verso il giornalismo free-lance.
Il giornalista free-lance, spesso, è un piazzista. Tenta di vendere a chiunque qualsiasi cosa che ha scritto in vita sua, dalla lista della spesa ai dossier segreti del KGB (in questo caso, ovviamente, non appare la sua firma in calce). Fondamentalmente tutti cercano un giornalista free lance. O meglio, tutti sono disposti ad avere servizi incredibili, magari da zone delle quali gli inviati dei giornali non frequentano neanche gli alberghi. Io, al massimo, potrei fare un servizio dal Pilastro*, ma comunque mando lo stesso il mio curriculum qua e là, dovunque si richiedano delle collaborazioni di qualche tipo. Ed ecco la mail che ho ricevuto stamattina.

Gentile Utente,

la ringraziamo per averci contattato e per averci inviato il suo curriculum via mail, l’annuncio pubblicato nelle offerte di lavoro di XXX, in realtà riguarda la nostra ricerca di collaboratori free lance disposti a scrivere recensioni a titolo gratuito e volontaristico, naturalmente tutti i collaboratori usufruiranno degli accrediti stampa per seguire gli eventi da recensire, se questa offerta dovrebbe essere di suo gradimento e le interesserebbe collaborare con la nostra testata giornalistica, la invitiamo a contattare il nostro direttore responsabile, drt. YYY che le spiegherà tutte le modalità per l’inizio della collaborazione.

Ringraziandola ancora per la sua disponibilità e complimendomi con lei per il suo brillante curriculum, le porgo i nostri più cordiali saluti.

Quello che mi ha comunicato questa lettera, di nuovo, è il senso di libertà. Di un mercato del lavoro flessibile, mobile, elastico, volontaristico, libero da costrizioni, sindacalismi, burocrazie contrattuali. E, soprattutto, libero da regole grammaticali.

* Quartiere periferico di Bologna, dotato di fama sinistra e malavitosa (ma secondo me non è male).

11 commenti

Archiviato in I'm A Loser, We Can Work It Out

11 risposte a “Free

  1. se io lavoro=fatico=tu guadagni=io ricevo una ricompensa commisurata allo sforzo
    anche durante la rivoluzione industriale c’era una parvenza di remunerazione, ora essere free significa essere free dal pagarti, essere free di decidere se scrivi per me, essere free di assegnarti un articolo, un tozzo di pane. allora bisogna essere free da mandare a fare in culo qualcuno. Io credo.

  2. @bando: avendo un cospicuo vitalizio si potrebbe anche fare.

  3. In effetti, se questa offerta dovrebbe essere seria, e ti interesserebbe collaborare con loro, potessi proporre una rubbrica di gramatica e sintasi, no?

  4. però lo dovresti dire di chi è la mail.

  5. utente anonimo

    hey, scrivi un post sul manuale della foto, che ne ho bisogno!

    **grazie delle belle parole sul mio blog!

    Malvezzo

  6. utente anonimo

    E’ probabile che l’autore della e-pistola (pistola elettronica) lavori a sua volta gratuitamente…
    Mi vien da pensare che se l’autore della mail sarebbe pagato probabilmente scrivesse anche pò più meglio.
    ps :Anche se non c’entra una banana con il resto, concordo con la tua opinione sul Pilastro. Avendo io vissuto buona parte della mia esistenza non lontano dalla 167 a Napoli, ho trovato il Virgolone un luogo delizioso. Davvero!

    Porto Alegre

  7. troppo divertente la lettera!! (anche di più il tuo commento)
    quella del giornalista free-lance mi sa che è una vita dura, ma anche vivace… e se ci sai fare può offrire buone possibilità e occasioni secondo me…
    (ah… mi piace il tuo blog)

  8. Come dicesse la pubblicità, “free is the magic number”.

  9. bando: tu sei un idealista, altro che. c’è qualcosa da dare anche per mandare a fanculo.latifah: ci pensassi se mi pagherebbero assufficenza.simak: no, no. ma che me frega. cazzi loro.malvezzo: prego. ma di che manuale di foto parli? spieghite!porto alegre: secondo me era pagata, altro che. troppe assonanze cognonimiche nell’organico di redazione (famo a capisse).mrsd: grazie per gli apprezzamenti. guarda, di vite emozionanti ne ho un po’ le palle piene. adesso il mio scopo è il lusso dell’ozio (o viceversa).marquant: pensabbi anchio allo slogan. ma non sappi dove meterlo. grazie che l’ai meso qui.

  10. Ho un’amica che dopo essersi licenziata da una nota casa distribuzione cinematografica adesso fa l’addetta stampa free lance. Quindi posso capire il significato di quel free.Te la presento? Io invece mi sono stufata delle certezze impiegatizie, pensa un po’… Delizioso post, complimenti.

  11. sul fatto che sia idealista nessun dubbio. sul fatto che anch’io debba arrivare a fine mese senza un vitalizio neppure. se guardassi a quanto mi pagano gli articoli del giornale per cui scrivo, alla sera, dopo il lavoro, non dovrei neppure alzare le dita dalla tastiera. ma c’è la passione. forse basta, a volte no. per mangiare no. e lo so bene, purtroppo perchè devo vivere d’altro.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...