Passages

Insomma, sto cercando casa. Ora, come ho già avuto modo di spiegare, cercare casa a Bologna è un’impresa, a meno che l’impresa non la si possieda (e con essa molto contante). Spesso, poi, gli unici appartamenti a canoni un po’ più decenti sono affittabili “solo a famiglie no studenti”. Ma che mi frega? Ormai sono un lavoratore, no, quindi basta con gli annunci attaccati ai muri della zona universitaria, basta col passaparola: si chiamano le agenzie.
Leggo un annuncio che dice, più o meno: appartamento con ingresso, soggiorno e angolo cottura, bagno. Il prezzo è abbordabile, visto quanto viene valutato il mio corpo di ventiseienne nella tabella del traffico internazionale di organi, quindi chiamo. La voce dall’altra parte è affabile, cordiale, calda: da manuale. Accenno all’appartamento a cui sono interessato, e lui capisce al volo, e completa la descrizione che ho iniziato, poi si ferma.
“Lei è uno studente?”
“No, lavoro come giornalista”, faccio io orgoglioso. E sto per raccontargli tutte le cose belle che faccio, ma lui è più veloce di me.
“No, sa, il fatto è che questo appartamento è più per studenti…”
“In questo momento vivo in una casa per studenti”, puntualizzo, pensando che, alla parola “giornalista”, all’homo immobiliaris sia venuto in mente qualche film con giornalisti ricchi, belli, che vivono in loft, vanno in taxi, e fanno l’idromassaggio nella “giacusi”. Ma il tipo si mostra esitante.
“La casa non è in buono stato.”
“Cade a pezzi?” chiedo.
Risatina nervosa.
“Vede,” continua, “l’appartamento è formato… Insomma, si immagini un rettangolo: c’è un corridoietto, poi la camera, e poi il salotto. La camera…” pausa enfatica “è di passaggio”. E io vorrei incazzarmi e dirgli che non è che uno studente vive bene in case progettate o ristrutturate da architetti laureati in psichiatria dell’abitazione, e io lo so bene, perché vivo da otto anni in un appartamento che ha un bagno di passaggio. Invece dico “Vabbè”.
“Ma cosa le interessava?”, mi chiede l’homo immobiliaris andando alla parte terza del manuale, intitolata “Come recuperare un cliente potenzialmente perso”.
“Una casetta in centro, al massimo sui settecento euro…”
Silenzio.
“Abbiamo un appartamento alla Bolognina* a 800 euro. Le interessa?”
Non gli chiedo neanche se ha un salotto, una cucina o un garage di passaggio. Dico solo “nograzie”, saluto e riattacco.

* Zona periferica di Bologna, nota per avere ospitato l’incontro in cui il PCI diventò PDS (vedi “svolta della Bolognina”).

15 commenti

Archiviato in I'm A Loser

15 risposte a “Passages

  1. ma se tu te ne vai di lì, posso venire a vivere al posto tuo?

    ah.
    f. (senzatetto, btw)

  2. utente anonimo

    La settimana scorsa, a Bologna, ho visto un foglio attaccato sulla bacheca di scienze della comunicazione che era un elogio all’asocialità e all’ottimismo: “Siamo tre studentesse e cerchiamo un appartamento con TRE SINGOLE”. Bellissimo!
    Irene

  3. e si vede che le tre studentesse vogliono fare all’amore tranquille 😉

  4. Se dovessi sentire di qualcosa ti faccio un fischio.

  5. Bisognerebbe scrivere un saggio sulla composizione interna degli immobili residenziali a bologna. Per abitare in una cosa normale bisogna andare a vivere a Zola Predosa. Certo, avrebbe i suoi vantaggi, hai l’ikea a un km.

  6. scusa se mi permetto,caro il mio diggei preferito.
    ma in questi giorni ho visto dei monolocaLi a bo,così al tuo”casa in centro sui settecento euro”mi viene da rispondere”uuuuuahahahahahahhah”
    sabrina^_^

  7. @adayinthelife: coraggio!

    @Irene: io stavo in un appartamento con 4 camere più o meno della stessa grandezza, dalle quali ricavammo presto 4 singole 🙂

  8. Questo vuol dire che ti perdo come vicino di casa 😦
    Vabbe’, se sento qualcosa tipo “no accademia no dams” ti faccio sapere…
    Ma perché in Bolognina no???

  9. utente anonimo

    Fra, secondo me ti ci vuole la campagna.

  10. già, non ho capito perchè alla bolognina no.
    ??

  11. utente anonimo

    senti giornalista,
    quello della Bolognina non era un congresso: era un incontro per la celebrazione della battaglia di Piazza dell’Unità. anche perché: dove lo fai un congresso alla Bolognina, dai Salesiani?
    scusa, mi piace censurarti,
    p.

  12. hai ragione, p., ma per ogni tua “ragione”, spendo milioni dall’andrologo.

  13. utente anonimo

    sul fatto che p. sia peso come la spesa posso darti ragione, ma sullo snobbare la bolognina nooo! il mio vicino di casa è – a scelta – un narcotrafficante, un pedofilo o un terrorista… vuoi mettere il salto di carriera che faresti a scoprire i traffici di uno così?
    pensaci.
    e.

  14. e che vi devo dire, mica ho qualcosa contro la bolognina (zona molto carina, peraltro). è che a me piace stare in centro. e pago e zitto, eh, mica mi lamento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...