Sui giovani di oggi io…

La cosa difficile è cercare di fare un discorso sensato sui quattro giorni passati a cercare di insegnare qualcosa ad una ventina di diciassettenni, senza cadere in esclamazioni tipo “O tempora o mores”. La cosa difficile è mantenere la calma quando, dopo una quindicina di ore spese a parlare di cinema e sceneggiatura c’è ancora qualcuno che confonde questa con la scenografia. La cosa difficile è evitare di reagire a male parole quando senti un ragazzino insultare un altro dicendogli “magrebino” (e no, caro W., non sono un loro insegnante, non posso prendere provvedimenti). La cosa difficile è rendersi conto che hai a che fare con un precipitato tremendo: adolescenti di una scuola privata di una delle città più ricche del ricco nordest. La cosa difficile è pensare che l’espressione “valore” e “crisi di valori” ha un senso, qualche volta. La cosa difficile è rendersi conto che spesso sono stronzi, razzisti e maleducati, e fanculo il fatto che abbiano diciassette anni. La cosa difficile è, subito dopo, rendersi conto che molti di questi ragazzini hanno avuto delle playstation e dei cellulari come unica compensazione alla mancanza di attenzione, amore, affetto. La cosa difficile è pensare che questi ragazzini voteranno, tra un anno. La cosa difficile è sperare che qualcosa cambi.
La cosa facile è stata arruffianarseli. “A voi piace Robbie Williams e Avril Lavigne, giusto? Ma noi non abbiamo tempo per ascoltare i loro pezzi prima delle lezioni. Ma possiamo ascoltarne dei riassunti.”
E quindi, grazie questi due brani che ho creato lassù, li ho spiazzati, stupiti, e ho catturato la loro attenzione.

Per quindici lunghissimi secondi, più o meno.

19 commenti

Archiviato in We Can Work It Out

19 risposte a “Sui giovani di oggi io…

  1. Àhi, àhi….
    Nervo scoperto.

  2. Oh, i file non fungono.

  3. (clicca col destro e scegli salva con nome)

  4. da bocciare sono i genitori,credo. son quelli i nuovi somari….lavorarestanca

  5. A volte dubito sulla bontà della democrazia…

    Succo

  6. mh. e io a volte guardo mia cugina – che di anni ne ha 8 – e mi rendo conto che fra nove anni sarà esattamente una di quelle diciassettenni di cui parli. forse anche peggio. perchè è insopportabilmente viziata e trendy e (duole ammetterlo) piena di niente già adesso, figuriamoci fra una decade.
    f.

  7. che bello entrare in questo blog e leggere “quel” titolo e “quel” sottotitolo…tra l’altro sono perfetti, rendono bene l’idea….

  8. [così feci, ma non suonarono]

  9. non era “sui giovani d’oggi ci scatarro su”? per il resto è ovvio che i 17enni di oggi ti sembrino dei marziani. non dice qualcosa di loro, dice qualcosa di te. O no?

  10. bambinonero: no, macchè. coperto, coperto da qualche giorno, per fortuna.lavorarestanca: ne sono assolutamente convinto. discorso lungo, però.succo: anche io. ma è il meno peggio che ci tocca, no?fio: non puoi fare qualcosa? salvala, dai. so che puoi farcela. non vorrei mai che, per strani giochi del caso, mi capiti tra le grinfie, un giorno…simak: oddio, come mai? ho provato e i file funzionano!sviluppino: non sono i primi diciassettenni che mi capitano, intendiamoci. e poi non capisco la frase “dice qualcosa di me”. il post? spiegati, su.

  11. A me invece resta lì, scoperto. Da due anni, circa. Pulsante e impertinente. Rosso-che-più-rosso-è-quasi-blu.

  12. ma di cosa parli, esattamente?

  13. (Del nervo scoperto. Delle orde di diciasettenni frenastenici. Se la domanda era rivolta a me)

  14. Francè, era colpa di firefox che invece di scaricare gli mp3 completi scaricava dei file inutili da 40 kb scarsi.

    Sarà colpa solo del mio firefox?

  15. bambinonero: quanto cripticismo! quindi anche tu insegni/hai insegnato?simak: e penso proprio di sì.

  16. Affermativo, capitano (fa tanto bastoncini findus…..).
    Ho insegnato e insegno.
    Mediamente diciotto-diciannovenni. Quelli che tu hai incontrato sui monti, per intenderci, l’anno prossimo magari me li becco io.
    Con un’attitude che (mediamente) è (anche) questa:
    http://www.thebackroomboy.splinder.com/1107891324#4020894

    Buona giornata, a day.

  17. Niente, il link non funge. Vabbè, insomma….era per dire che sostengo la filosofia della salubrità dei calci nel culo.

  18. non vedo perché evitare di dire “o tempora o mores”. avere le caratteristiche giuste per dirlo è uno dei (pochi) vantaggi dell’essere ormai 26enni.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...