Se ventiquattro ore vi sembran poche (Bigger than fiction)

Dopo avere passato la notte di venerdì a chiacchierare, siamo arrivati in piazza Santo Stefano, all’alba. Se non ci fosse stato nessuno, non l’avrei mai scritto. Ma ci riportava ad un meraviglioso stato di realtà la presenza metallico-plasticosa delle sedie e del palco in mezzo alla piazza, controllata dalla presenza sonnacchiosa della guardia giurata di SecurBologna, in macchina, che forse leggeva, o giocava a Snake sul cellulare, chissà.
Abbiamo fatto colazione alle sette in piazza Maggiore. “Guarda chi c’è”, mi dice. Ad un tavolino, da solo, Guazzaloca. Mi è venuto subito in mente questo. Facciamo qualcosa, regaliamogli un cane, l’abbonamento a Sky, una Playstation.
Non ho dormito, sono andato direttamente ad aiutare P. a fare il trasloco. Portare senza alcun aiuto una lavatrice giù per tre piani è faticoso, soprattutto se hai appena portato un divano e stai per portare un letto: ma non ho sentito fatica.

È stato un fine settimana lunghissimo. Dormire ha avuto senso solo quando non c’erano più le forze per svolazzare, dopo quaranta ore di meravigliosa veglia.

P.S. Chiedo ufficialmente scusa a tutti i blogger presenti al concerto dei !!!: non vi ho praticamente considerati, ma so che voi, donne e uomini sensibili e sentimentali, capirete. Da domani si ricomincia con le cazzate. Davvero, è difficile scrivere al computer mentre si fluttua a mezzo metro d’altezza.

7 commenti

Archiviato in I Me Mine

7 risposte a “Se ventiquattro ore vi sembran poche (Bigger than fiction)

  1. mi sono chiesta puiù volte se c’eri o meno in realtà. Perchè ricordo chiaramente di aver visto Manu, ma diciamo che ho perso una buona fetta di ricordi della serata – causa buon tasso etilico. A demain [dio si scriverà così?]

  2. utente anonimo

    à la prochaine

    rael

  3. io amo Bologna… la adoro… c’ero anch’io a vedere i !!!🙂

  4. Ho letto alcuni dei tuoi vecchi post (tra i quali MelissaP.) e non smetto più di riflettere e ridere, riflettereeridere riflettereeridere…😀
    Sei troppo forte.
    V.

  5. gen

    Chissà, per un salto in quel di Bologna prima del mare c’è sempre tempo. Amore a prima vista.🙂

  6. marindie: credo che “dio” si scriva “dieu”, ma non ne sono sicuro (!)bradipa: ma ciao cara!rael: ma ciao anche a te!kay: a dire il vero io sono arrivato alla fine del concerto. un gesto veramente indie, non trovi? soprattutto quando non si hanno quindici euro da dare.fatima: grazie. ma veramente rifletti sulle cose che scrivo? sei pazza.gen: ah, guarda. bologna sta qua da un bel po’. e anche io non scherzo. quando vuoi, ci trovi l’uno nell’altra. (ooooh!)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...