That’s All, Folks!

I miei non hanno mai voluto che io tenessi animali. O meglio, non hanno mai voluto che io tenessi cani o gatti in casa, visto che vivevamo (e madre e padre tuttora vivono) in un piccolo appartamento. Però, in qualche modo, ho avuto compagnia animale.
“Posso avere un animale piccolo, per favore, per piacere?”
“Niente topi. E niente colture batteriche”
Scartati gli organismi unicellulari, comodi da portare in giro, ma non molto comunicativi (si lamentavano: “Ohè, ho una cellula sola, eh, come cazzo vuoi che ti riporti il bastoncino?”), ripiegai su altro. Nell’ordine: una cavalletta zoppa, che chiamai ironicamente “Zomp”. Lei non capì mai lo spirito onomastico e se ne andò per sempre in un caldo mattino d’estate. Senza neanche salutare. Un vermino bianco, senza nome (o forse lo chiamavo “Verme”). Si nutriva di terra, defecava terra. Grandi esseri, i vermi. Domineranno il mondo, un giorno. Non lui. I vermi sono grandi esseri se i dieci centimetri quadrati di terriccio dove vivono vengono bagnati. Se no, si seccano. Nel vero senso della parola. Insomma, si seppellì vivo da solo.

Una delle coverfish di una rivista di Golia

Ma ho avuto anche due pesci. Prima Golia. Cicciotto, con la coda lunga lunga e molto vanitoso. Ogni volta che si muoveva, pareva dicesse “Veh, che coda. Che bellezza che sono”. Una notte lo sorpresi che si masturbava. Aveva la vaschetta davanti al televisore, ma non riuscì a cambiare canale in tempo. C’era un documentario sui pesci pagliaccio.
“Mi sono addormentato davanti alla televisione” disse lui sbiancando (un pesce rosso che arrossisce? Ma andiamo).
“Seh”, dissi io.
Capii che aveva bisogno di qualcuno, di compagnia. I pesci pagliaccio costavano troppo, gli comprai un altro pesce rosso, Abramo (in onore del pesce di Arnold). Non un gran che di pesce. Magrino, colore smunto, senza particolari forme. Un po’ il corrispondente ittico domestico della signora Pina Fantozzi. Ma insomma.
Un giorno passai davanti alla vasca.
“Mamma, i pesci rossi nuotano a dorso?”
Così morì Golia.
Abramo se ne stava in un angolo fischiettando. L’ho sgamato perché uscivano le bolle.
“Non c’entro niente, io, mi dispiace, se ne vanno sempre i migliori, come farò, un momento fa era lì immobile, adesso è lassù immobile, che disgrazia.” Dopo pochissimo Abramo cambiò l’arredamento della vaschetta. Dopo un altro po’ morì anche lui. Non chiesi niente a mia mamma, avevo capito che i pesci preferiscono lo stile libero.

Tutta ‘sta pippa inutile per che cosa? Per questo. Me l’ha segnalato P. “Il paradiso di Tom e Jerry”. Ma vi rendete conto? Una specie di rinuncia totale: il gatto e il topo che sempre si corrono dietro che ad un certo punto vengono fulminati da un infarto. Tom che cade dal tetto e gli si spacca la testa. Jerry schiacciato da una trappola. Un definitivo “That’s all Folks” (lo so, erano i Looney Tunes, non Tom e Jerry, non rompete le palle, ché il discorso è serio). Dicevo. “Il paradiso di Tom e Jerry”, con i cani sagomati sulle nuvolette, con il cimitero virtuale, con lo sconto agli iscritti al sindacato.

Caro Golia, se mi senti, attento a quello che ti dico. Sei stato veramente il mio unico animale domestico. Abramo ti ha attaccato qualcosa, lo so. Non gliene faccio una colpa. Non sia mai. Non so neanche che fine hai fatto, forse mia madre ti ha solo buttato nel cesso, non lo so. Non hai avuto nulla: niente cerimonia, niente funerale, niente banda. Niente lapide in marmo di Carrara, niente di niente. Perdonami, se puoi. Avresti potuto essere il primo pesce rosso sepolto nel Paradiso di Tom e Jerry.
Forse è stato meglio il caro vecchio cesso.

10 commenti

Archiviato in I Am The Walrus, I Me Mine

10 risposte a “That’s All, Folks!

  1. utente anonimo

    non ho trovato la banda stile mississippi. come per il funerale del presidente della Sampdoria anni fa.
    si fottano.

  2. Io avevo Loreto, pesce combattente blu e rosso fuoco. Un giorno il mio ex-moroso mi offri Abramo (ma guarda un po’), pesciolino nero, pieno di vita (per poco) e esuberanza. Abramo visse 12 ore in compagnia di Loreto, che a discapito del suo nome, lo uccise … troppo casino a casa mia!
    Io scambiai gli attacchi di Loreto per dimostrazioni di affetto per Abramo che sembrava essere in difficolta’ dopo la prima notte… Ingenua…

  3. decisamente meglio il cesso.

  4. ecco, adesso sì che mi sento piccola, ma piiiiiiiiiiiccola….

    Un abbraccio

  5. utente anonimo

    nella pagina http://www.ilparadisoditomejerry.com/servizi.html è prevista tra i servizi una lampada “VOLITIVA”. Interessante…

  6. utente anonimo

    ma è bellissimo! se lo sapevo prima ci portavo la mia Pocia! è scomparsa molti anni fa, ma ritroverò il suo cadavere e le darò degna sepoltura in questo splendido paradiso: “R.I.P. Pocia, beloved cat and friend” Mei

  7. rael: servizio carente, in effetti. protesta.dany: ma per che cosa? lacrime di gioia, ridi… spiega, dai.surrogato: so’ tremendi, ‘sti pescetti. insomma, l’insegnamento che possiamo dare è: mai avere a che fare con un pesce di nome abramo. chissà arnold come faceva. kay: sì. e pensa che quando ho scritto l’ultima frase del post mi sono preoccupato di possibili reazioni indignate…bluesblogger: piccola? ma va’. lo dico qui, di fronte a tutti: questa ragazza scrive proprio bene. andatela a leggere!anonimo: grazie della segnalazione. chissà quali incredibili caratteristiche possiede, una “lampada volitiva”. forse si accende e si spegne quando le va.mei: riesumiaozione di catdavere? (perdono, perdono, sono schiavo del calembour di bassa qualità)

  8. utente anonimo

    sto protestando.si vede che protesto?protesto.
    rael

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...