Diecisudieci

Stamattina mi ha svegliato un incubo. Anzi, due, uno alle nove e uno alle undici. Ho fatto colazione e mi sono sentito uno di quei settesudieci che passeranno il Capodanno a casa (me l’ha detto il Televideo, non che passerò il Capodanno a casa di amiche, quello è stato deciso con sommo tempismo verso le otto di ieri sera). Sono uscito. Bologna era piena di gente, soprattutto gente arrivata da poco, con cartine spiegate o che parlava di dove andare, cosa fare. Chiaramente loro erano i tresudieci. Mi sono aggirato pigramente nella Feltrinelli sotto le due torri, inaspettatamente deserta. I musicisti rom per strada suonavano, a seconda, “Besame Mucho”, il tema del Padrino oppure “O sole mio” (immagino con scopi propiziatori, visto il cielo plumbeo).

L’ultimo giorno dell’anno, pensavo. Potrebbe essere tempo di bilanci, di classifiche, tirare le somme, buona fine buon principio. Tenterò di non fare nulla di tutto ciò, non mi sembra il caso.
Spero solo che stasera il conto alla rovescia passi in fretta.

Voglio augurare a tutti (diecisudieci) un anno nuovo di pace, serenità, amore.
Lo so che è molto hippy come cosa, ma è quello che sento. Di cuore, a tutti voi, gli unici auguri che secondo me hanno senso in questo periodo. State bene.

Annunci

5 commenti

Archiviato in I Me Mine

5 risposte a “Diecisudieci

  1. utente anonimo

    GRAZIE e che tu possa realizzare i tuoi sogni
    Marco

  2. fio

    all is quiet on New Year’s day.. auguri meravigliafra, altre parole per te altrove. già da ieri, in realtà. io precorro i tempi negli auguri 🙂

  3. perchè, oggi è l’ultimo dell’anno? di quale anno?

  4. utente anonimo

    grazie francesco .. bello trovare auguri per tutti .. era un po’ che non passavo di qui .. serenita’ e amore anche per te .. un bacio, megal

  5. Bella la tua quasi istantanea. Anche io ieri ho visto i turisti da un giorno solcare i portici della città. Individui ammirevoli con le loro cartine spiegate sotto la pioggia ad interrogarsi su come raggiungere mai Piazza Maggiore (nonostante Lucio Dalla c’è ancora chi RIESCE A PERDERSI in centro a Bologna). Poi, ovunque, branchi di ragazzini tutti uguali, tutti col cappellino rossosponsor della Ferrari (souvenir del recente Motorshow?) che si imbucavano fra la Nutelleria e i troppi Mc Donalds. Petardi e mortaretti qua e là per tutto il pomeriggio. Strade bagnate, traffico, io che passeggiavo fra le vetrine vuote.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...