La nostra bella lingua

Mentre ero in onda, sul televisore della sala di regia, sintonizzato sul Televideo Rai, è apparsa la seguente notizia.
Sono preoccupato. E quando sono preoccupato posso:

  1. farmi una canna (e però, poi Fini mi sbatte in carcere e fonde la chiave);
  2. sentirmi un po’ di Giovanni Sebastiano Bach, o magari il concerto in Fa di Giorgio Gershwin;
  3. guardare un cartone di Gualtiero Disney;
  4. mangiare una pizza.

Scelgo la quattro, sperando che sia abbastanza italiano come comportamento. Così Veneziani non si arrabbia.
P.S. Spero che queste parole non siano fraintese. Io prenderei a schiaffi quelli che usano espressioni come “step”, “task”… e anche “back solution” (!).

Annunci

12 commenti

Archiviato in The Word, Tomorrow Never Knows

12 risposte a “La nostra bella lingua

  1. BacK option, non back solution, asshole 🙂

  2. Gli succedeva sempre.Non appena finiva di leggere un libro di Stefano Re,i mostri evocati in quelle pagine andavano a trovarlo.Sempre.Cristina la macchina infernale,Esso,Giacomo tutti gli avevavano fatto visita.Nella sua modesta abitazione a due chilometri da Nuova York.Si preparò del caffè ma non riusciva a non pensare a quello che aveva sognato la notte precedente.L’orologio batteva l’una.Banane e lamponi dalla fruttiera dormivano ancora.

  3. mi sembra che i nomi stranieri li avessero proibiti anche nell’altro regime.

  4. utente anonimo

    …che schifo.
    la storia di RAI INTERNAZIONALE O RAI EDUCAZIONE, I mean.
    cia’. Fra – Zürich

  5. utente anonimo

    Perchè allora non torniamo a chiamare la nostra cara azienda radiotelevisiva nazionalpopolare E.IA.R. ? E pensare che questo buzzurro è anche stimato e apprezzato da alcuni intellettuali cosiddetti di sinistra!!!! Ma dove cazzo stiamo andando a finire???!!! un saluto da un molto perplesso Mignolo

  6. mmm, ho l’impressione di averla già sentita questa storia… va bene che in certi settori gli inglesismi sono una moda inutile che spesso nasconde una lacuna di comprensione (parlo per esperienza), ma tornare di così tanti passi indietro… neanche avessimo un’esperienza di purismo linguistico come i francesi, alle spalle… comunque, se proprio vogliono italianizzare tutto, comincino a chiamare il corner calcio d’angolo e il dribbling… il dribbling… il dribbling come diavolo lo devono chiamare? :S

  7. ..e blog come si traduce?

  8. Mah, dite quello che volete. A me cose tipo Rai international erano sempre state sulle palle. Vi assicuro che, per quanto paradossale possa sembrare, l’Honduras, ex Repubblica delle Banane, a due passi dagli Stati Uniti, è meno colonizzato di noi, linguisticamente. E gli americani li chiamano gringos e, statene certi, non glielo dicono in faccia. Certo, che sia Veneziani a lanciare l’italianissima crociata è cosa che fa accapponare la pelle. Lui, tra gli uomini più odiosi del Sistema solare.

  9. L’uso di parole inglesi solo per apparire fintamente moderni è a mio avviso stupido. Quindi ben venga l’eliminazione del ridicolo “educational”, anche se non mi rallegro certo di condividere un’opinione con Veneziani (e neanche “Rai Educazione” mi piace).

  10. Ehilà, pare che almeno questa te la sei schivata… http://agayinthelife.splinder.it 😉

  11. Pulsatilla: sorry. ;-PSSight: altro regime?Mignolo:me lo chiedo anche io… Sob. Sigh.DueParole: propongo “veloce movimento atto a scartare l’avversario” 😉Marmellata: ehm, no, blog va bene… 🙂Fratello e Hans: d’accordo, d’accordo, ma è l’inquietante parallelo che mi fa accapponar la pelle (oltre a Veneziani).Valido: 😀 (grazie)

  12. concordo con hans. uno dice “rai educazione” e pensa a classi di scuola elementari coi muri giallini, d’inverno, luce fioca, puzza di lana sudata e zuppa di cavoli. e cala la tristezza. e allora pensa di cavarsela traducendo. solo che in inglese la parola education e` parimenti triste. non se ne esce. l’unica e` quella di non gridare a tutto il mondo che si sta facendo educazione ma, chesso`, documentazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...