Post Scriptum (o, secondo l’ordine di Splinder: Pre Scriptum)

È uscito Ero un autarchico, l’ultimo disco di Frankie Hi NRG MC, forse l’unico vero rappresentante dell’hip-hop italiano. Mi ricordo la prima volta che ho sentito una sua canzone. Era “Fight Da Faida”, eseguita dal vivo durante una puntata di “Avanzi”, una decina di anni fa. Da allora l’ho seguito sempre. Mi ha affascinato, come tutte le persone che hanno un rapporto meraviglioso con le parole. E Frankie, direttamente da Città di Castello, è semplicemente un grande, da questo punto di vista. Ero un autarchico, secondo il mio modesto parere di non-esperto-di-musica, è semplicemente meraviglioso. Lasciate che le parole scorrano. Grazie Frankie.

Nel disco, tra gli altri ospiti (Franca Valeri, Paola Cortellesi, Pacifico, Arnoldo Foà) c’è anche Antonio Rezza, un genio, secondo me. Ecco quello che dice in “Zero a zero”:

“Mi sento un accessorio della società, un soprammobile della civiltà contemporanea. ‘Ndo me metto sto male, dovunque faccio danno. Mi siedo in un angolo e penso ‘Forse sto messo male’. Mi sposto e penso ‘Forse stavo meglio prima’. Amici: zero. Genitori: due. Genitori batte amici due a zero. Tra una cinquantina d’anni, quando non ci saranno più i genitori, porterò a casa un pareggio per zero a zero? Interessi: zero. Interessi e amici: zero a zero. In un ipotetico triangolare, gli unici che vanno a punti sono i genitori. Genitori: uno. Genitori batte amici uno a zero. L’attacco comincia ad incepparsi. Genitori: zero. Genitori e amici: zero a zero. S’è chiuso un ciclo. Mi sento un accessorio. Della società. Mi sento un accessorio. Della società. Mi sento un accessorio. Della società. Mi sento un accessorio. Della società.”

Ed ecco il testo di “Virus”, sempre interpretato da Rezza:

“Ho perso il lavoro”
“Nun te preoccupà. ‘O ritrovamo. ‘Ndo t’o s’i perso?”
“L’ho perso al Ministero”
“Embè, ‘o ritrovamo. Quanto po’ esse grosso ‘o Ministero? Lo mettiamo sotosopra e ‘o ritrovamo”
“Ho perso pure tutti gli amici”
“Nun te preoccupà. Li riachiapiamo. Li riachiapiamo tutti. Cerca de fa’ mente locale de dove te s’i persi”
“Ho perso anche la fiducia, la fiducia nel prossimo, l’ho persa”
“Tranquillo. Ritrovamo pure quella. Io sto a fa’ ‘a lista: hai perso il lavoro, l’amicizia, la fiducia. Ritrovamo tutto”
“Ho perso anche la fede”
“Ecco qua, aggiungo io. Se ritrova. Basta ricostruì gli ultimi movimenti, su, ottimismo, ritrovamo tutto”
“Ho perso l’ottimismo”
“E che ci vo’? Tu ti s’i perso… tu ti devi sempre fa’ ‘a domanda: ‘ndo stavo, che facevo, che movimenti facevo… Ritrovamo tutto”
“Ho perso anche l’entusiasmo”
“Ecco qua, aggiungo io: entusiasmo. Guarda: ce sta da lavorà, ce sta da lavorà perché i posti sso tanti, però ritrovamo tutto”
“E l’ultima cosa che me so’ perso… so’ stati i soldi”
“Eh, e qua, amico mio… non ritrovamo proprio un cazzo”

Annunci

3 commenti

Archiviato in I'm Happy Just To Dance With You

3 risposte a “Post Scriptum (o, secondo l’ordine di Splinder: Pre Scriptum)

  1. ciao fra, grazie x essere passato dal blog.visto che siamo cosi’bravi e fighetti e multimediali, perche’ non ci mandiamo anche una mail per stare a posto con la coscienza??io ho preso il tuo libro dalla fernadel, appena torno a torino motorville me lo leggo…(pubblicita’…yeah…). a züri piove ma non tira vento e io correggo lettere motivazionali x impiegati tristi e svizzeri. passerai mai di qua durante le tue peregrinazioni? come stai? saluti e ficus impolverati. Fra -oglianico – …perche’ ho l’impressione che firmandomi Fra non mi riconosci e devo aggiungerci il paese? boh…ma mica posso scrivere Siddharta…saluti 🙂

  2. Grande Frankie, e grande adayinthelife!
    Rileggerò il tuo post ed il tuo blog a ritmi serrati nel futuro prossimo e remoto!
    Doppiafila

  3. Io a parte quel tormentone di canzone con cui se ne uscì qualche anno fa, non ho mai più risentito niente, ringraziando il cielo, del soggetto di cui sopra ma…
    anche se non frega a nessuno e questo post è vecchio più di me e quindi nessuno lo leggerà, è con sommo piacere che posso dire che il tizio di cui sopra ha un muso da rospo secco che mi fa rivoltare le budella.
    Anche se fosse il più bravo cantante, poeta, attore e pittore insieme e anche ballerino e scenografo del mondo,non riuscirei a tollerarne la vista per più di 2 secondi.
    Insomma a pelle ma proprio a pelle non lo reggo perchè mi ricorda una categoria di persone che proprio non sopporto e cioè “quelli che sono e sanno tutto loro e te, povera merda, rassegnati perchè non sarai mai al loro livello”.
    Non so se ho reso l’idea!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...