Work in progress

Sono andato nel negozio di alimentari sotto casa, per comprare del latte e un po’ di pane. Come la maggior parte di negozi di alimentari a Bologna, è gestito da pakistani. Ogni tanto faccio due chiacchiere col proprietario, come va, come non va. Oggi c’è stato questo dialogo.

– Ma dimmi, sei laureato? – mi chiede.
– Eh, sì, da quasi un anno – rispondo. E prego non mi faccia la domanda successiva, la maledetta domanda. Ovviamente me la fa.
– E il lavoro?

(Cristo).

– Eh, lo attendo.
– Vieni a lavorare qua.

È la prima proposta di lavoro diretta che ricevo. Ma non ce la potrei fare. Tutto il giorno a contatto col cliente, che per definizione è stressante. Spesso. “Magari”, penso, “è una battuta”. Quindi dico sorridendo che non sono fatto per un lavoro del genere.

– Ma in mezz’ora si impara – dice lui serissimo. E aggiunge: -Lo può fare anche un dottore.

Mi sono guardato intorno nel negozio per vedere se ci fosse un posto per appendere il certificato di laurea.

Annunci

14 commenti

Archiviato in We Can Work It Out

14 risposte a “Work in progress

  1. Qualunque lavoro è onorevole, purchè sia onesto, diceva mio nonno… 🙂

  2. La terza offerta di lavoro in 2 giorni!!!
    Ma chissei?!?:D

  3. Dopo secoli di inerzia, cara Naima… E, sig.na Confusionando: il nonno aveva perfettamente ragione. Ma proprio non mi vedo lì, senza togliere nulla ai verdurai del mondo (io adoro le verdure). 🙂

  4. Sera! Non potevo non fermarmi un attimo a leggere il tuo blog, dato che si chiama “a day in the life” e dato che “metà di ciò che dici non ha senso…” :P!!! Per un beatlesiano come me.. sono cose importanti!!! Tornerò a leggerti, bye!!!Alexander.

  5. ehi, grazie! (vedi a volte come basta mettere un nome giusto… ;))

  6. edi

    ma senti, se non accetti quel lavoro puoi metterci una buona parola? Cheers.

  7. ah, adesso capisco come sei arrivato da me. tramite edi, giusto?
    carino qui 😀

  8. Al certificato ce la metti la cornicetta? 🙂

  9. Ehi, ehi, ehi, una per volta. Dunque:per edi: la buona parola per te ce la metto, ma forse prima devi fare come me e andare praticamente ogni giorno nel negozio e comprare latte e birra. Così confondi il gestore e lo ammorbi(disci).per bradipa:no, non so come sia capitato sul tuo blog. ogni tanto giro a caso, seguendo rotte ipertestuali e confuse 😉per sista:certo che gliela metterei la cornicetta, ma fatta di zucchine, che ne dici? o di baccelli di fagioli o di involucri di piselli… 🙂

  10. ma io lo farei… in altre epoche ho fatto anche la barista (in Olanda) e mi sono divertita un casino e guadagnavo pure bene. Perché no? poi hai tutto il tempo per cercare la tua occupazione da DoKtor

  11. sì pero’ devi fare un po’ di esercitazioni a casa (incartare rosette e salumi). Mica è facile. Niente accartocciamenti approssimativi! 😀

  12. Mi sa che comprerò un corso a dispense. 🙂

  13. mi fa piacere che per avere tue notizie devo leggere il blog…hai trovato un lavoro?

  14. no, scemo. nessun lavoro. anche se, per il tempo che ultimamente spendo là…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...